Douzenel Bio Italiana - La Nouvelle Galerie de Saint-Quay-Portrieux

Aller au contenu
 presenta...  Fabien Douzenel
Catturare l'attenzione

Fabien Douzenel usa colori acrilici con molti colori fluo e opta per molti temi: musica, danza, fumetti, notizie...

"Esporre è esporre se stessi. E non è qualcosa di naturale. Non per me, comunque", sorride Fabien Douzenel. Eppure, sta per forzare la sua natura: per tutta l'estate, il Petit Écho de la Mode espone 103 dei suoi quadri nei suoi 600 m² di showroom. È un'opportunità incredibile". Non ci sono molte mostre di queste dimensioni..." dice l'artista di Châtelaudren.

"È il numero che la rende interessante. È un'esplosione di colori". L'impatto visivo dei dipinti è davvero immediato. Il risultato di una pausa nel suo lavoro, iniziata una ventina d'anni fa quando lavorava nel campo della comunicazione artistica a Parigi. "Quando si comincia, si cerca di usare tutti i colori. E poi ti annoi. E sono arrivato allo sfondo blu e ai colori primari e fluorescenti.

Come sfondo? Il desiderio di essere visti. Il sessagenario cita volentieri il famoso cartellonista francese Raymond Savignac, che ha incontrato più volte: "Mi ha detto che quando ha fatto un poster, la sua peggiore paura era che non si vedesse". E aggiunge: "Questi colori non sono spesso usati nella pittura, mentre sono spesso usati altrove, nella segnaletica o nei cantieri, per attirare l'attenzione". Con una regola: niente nero mai. "Mi sembra un modo semplice per ottenere effetti di luce o di contrasto".
Per Fabien Douzenel si tratta di colori, ma anche di una tecnica. "Disegno, poi incollo l'adesivo sulle mie pennellate. Applichiamo i colori, togliamo l'adesivo e coloriamo i contorni". Da qui questo aspetto ispirato alla linea chiara dei fumetti, con in più l'assenza di curve.

Non c'è da stupirsi: durante la sua vita professionale, l'artista si è imbattuto in fumettisti, artisti di strada e cartellonisti. Le sue opere, luminose e morbidamente poetiche, sono un vero e proprio mix di queste influenze. Tra leggerezza e temi più seri. L'artista insiste: "Non sto promuovendo un discorso militante. Ma cerco di dire le cose senza esagerare. Se la gente le capisce, tanto meglio".

Tra le sue tele, non possono mancare i suoi ritratti di artisti. Imponenti reminiscenze di vari pittori. Il "capolavoro" di Fabien Douzenel. Che dice, nonostante tutto, modesto: "Sono più un creatore di immagini che un pittore". La sua pittura, vede come l'occasione "per portare colore, luce, con questa gioiosa mostra che celebra l'estate e il piacere di ritrovarsi".
La Nouvelle Galerie est la boutique en ligne d'Art Language Agency, agence de promotion d'artistes plasticiens.
Une question ?
BOUTIQUE
ARTISTES
À PROPOS
Réseau Art Language Agency
La Nouvelle Galerie est la boutique en ligne d'Art Language Agency, agence de promotion d'artistes plasticiens.
Retourner au contenu